E’ terminato con successo il primo FabCamp a Rosignano

Dal 24 al 29 giugno si è tenuto a Rosignano il primo FabCamp in Toscana. E’ stata una grande emozione poter vedere bambini provenienti da tutta la provincia di Livorno giocare insieme tutta la settimana interagendo con l’innovazione tecnologica.

Al Fabcamp, ogni mattina è stata una scoperta. La colazione al mattino dava il la per cominciare con il buonumore. Poi, spazio alla creatività ed alla comprensione del sé con Rita Tonini, la nostra docente di meditazione di consapevolezza. I bambini si sono soffermati a scoprire le proprie emozioni attraverso il body screening ed hanno riscoperto attraverso giochi mirati il valore della condivisione. Inoltre, si sono divertiti a creare ciascuno il proprio vasetto di olio di iperico, cogliendo il fiore dalle doti speciali.

Rita Tonini e il suo laboratorio tra creatività e mindfulness

Tante attività dedicate all’innovazione e alla creatività

Dalle 10.30 fino all’ora di pranzo, è stato il momento dedicato all’innovazione tecnologica. Coding, stampa 3D, tecnologia voice assistant, droni, elettronica e robotica i temi affrontati. Ogni mattina, un’attività dedicata per approfondire e scoprire come funzionano questi nuovi strumenti con i quali i più piccoli si troveranno ad interagire sempre di più.

Ogni docente ha prima spiegato ai ragazzi la nascita di una particolare innovazione tecnologica. Poi, grazie ai software e agli strumenti dei partner di FabCamp, come Meccano, i bambini hanno dato vita ai loro progetti, divertendosi. Ogni progettazione è stata condivisa e studiata in gruppo: per FabCamp, come per Talentika, è fondamentale lavorare in gruppo. Questo per contribuire allo sviluppo di abilità tipiche dell’uomo, come il team work, la leadership e la creatività.

L’innovazione consapevole nei bambini

E’ possibile fare innovazione consapevole nei bambini?

Per noi a Talentika è fondamentale. Insegnare ai bambini come funzionano le nuove tecnologie e come potranno usarle per realizzare il proprio talento è uno degli obiettivi che animano Talentika, ma anche Fabcamp. Ogni attività, infatti, è stata pensata per dare nozioni di base ai bambini ma anche e soprattutto per stimolare la loro curiosità e favorire la manualità. Per imparare a ideare, programmare e costruire qualcosa di innovativo.

I bambini hanno programmato un chip, pensato e realizzato un robot con i kit di Meccano, disegnato un portachiavi con il software della stampa 3D. Non è mancata neanche la programmazione di un ballerino con Sktach, programmazione realizzata interamente dai singoli bambini, che hanno dato vita ad un personaggio inventato da loro stessi.

I piccoli innovatori hanno potuto vedere e conoscere da vicino anche i droni, che sono stati rincorsi e lanciati nel parco dell’Hotel Miramare a Castiglioncello.

I bambini hanno avuto la possibilità di interagire con l’assistente vocale, una delle applicazioni dell’intelligenza artificiale. Fabcamp ha messo a punto un’attività educativa per dare l’opportunità ai più piccoli di creare una skill – una competenza, un compito – che Alexa potesse compiere. E’ stato davvero divertente vedere le due squadre dei piccoli partecipanti inventare compiti per la somministrazione del cibo agli animali domestici o per giocare con i bambini quando questi rimangono soli, definendo nome, logo e dialogo tra utente ed assistente vocale.

La programmazione del chip durante la lezione di elettronica

Parità tra uomo e donna con Shetech

Al FabCamp non si è parlato soltanto di innovazione tecnologica. O, almeno, non solo di strumentazioni. Abbiamo, infatti, avuto l’intervento di Shetech: un’associazione che supporta la figura femminile che lavora ed opera nel mondo del tech. Una tendenza in crescita, sicuramente, anche se ancora non possiamo parlare di parità.

E’ stato interessante far riflettere i bambini sul valore della diversità tra un uomo e una donna. Scoprire il loro punto di vista e vedere insieme a oro come i limiti di accesso al lavoro tra un sesso ed un altro sono legati soltanto alla cultura di un posto e ad un periodo storico. L’innovazione tecnologica è uno strumento che può essere d’aiuto alla realizzazione di ognuno, indipendentemente dal sesso. Empatia, creatività, pensiero laterale, saper vivere e gestire le relazioni: sono tutte caratteristiche comuni a qualsiasi essere umano da sviluppare e migliorare… grazie anche al giusto mix tra uomo e donna.

I bambini lavorano in gruppo per una gara a colpi di foto e montaggio video

Giochi all’aria aperta e divertimento al FabCamp

Il pomeriggio al Fabcamp è sinonimo di divertimento e vita all’aria aperta! Dopo una mattina intensa e densa di attività, i bambini si sono divertiti entrando a contatto con la vita della fattoria, conoscendo gli animali presenti ed imparando le abitudini che questa vita impone per il benessere della comunità. Mucche, cavalli, asini, maiali, vitellini, galline… uno dei proprietari dell’Agriturismo Il Giogo ci ha accompagnati alla scoperta dei segreti di una fattoria che vive di ciò che produce.

Ma il pomeriggio al Fabcamp non è stato semplice vita all’aria aperta: giochi di gruppo, sfide, gavettoni e tuffi in piscina, hanno fatto sì che il divertimento fosse assicurato!

Un tuffo in piscina

Una bella avventura il Fabcamp con Talentika!

Il Fabcamp è stata davvero una bella avventura: bambini ed educatori hanno imparato tante cose nuove, ma soprattutto hanno cominciato a capire come funzionano certi strumenti e come potrebbero essere utilizzati per migliorare la vita di tutti i giorni. E’ stata stimolata la curiosità e la voglia di imparare ma, più di tutte, quella di rivedersi e stare insieme, con o senza robot!

E allora… ci vediamo il prossimo anno, Fabcamp!

Ci vediamo il prossimo anno Fabcamp!